LARAS DE CORADDU
Regia: Gianfranco Angei
Testi:


Nei canti delle donne sarde dalle "labbra di corallo" (laras de coraddu) scorreva la vita di tutti i giorni: col canto conciliavano il sonno dei bimbi e accompagnavano la morte, esprimevano le passioni e celebravano i riti religiosi, divertivano i bimbi e alleggerivano i duri lavori quotidiani con versi scherzosi, cantavano versi d’amore e canti delle feste con esplosioni sonore e gioiose.   Il nuovo progetto di canti a cappella delle donne sarde si affida alla calda voce di Valeria Pilia accompagnata da Elisa Marongiu, Michela Atzeni e Valeria Parisi che, con le loro tessiture vocali, rievocano le sonorità della millenaria cultura sarda; i freschi arrangiamenti vocali e la ricchezza timbrica delle quattro voci talvolta vengono impreziositi dalle ancestrali sonorità che sgorgano dagli strumenti del virtuoso polistrumentista Orlando Mascia con launeddas, sulittu, trunfa, e  organittu. Ma il nuovo progetto, oltre a piccole e delicate atmosfere teatrali, si arricchisce ulteriormente con la  partecipazione dei Tenores di Neoneli, una tra le più vecchie e rinomate formazioni di canto a tenore. In questo insolito e originale incontro tra il canto maschile e quello femminile verranno proposti canti tradizionali e di recente composizione con  testi popolari e di alcuni dei poeti sardi più rappresentativi come Peppino Marotto, Paolo Pillonca, Peppino Mereu.