Festival Oltre i Confini

/Festival Oltre i Confini
Festival Oltre i Confini2018-02-24T03:24:55+00:00

Project Description

Festival Oltre I Confini

Il disegno artistico di “Oltre i confini” non si limita ad oltrepassare i confini fisici di un teatro o di un territorio, ma si prefigge in particolare di superare i confini culturali fatti di generi sia all’interno delle stesse discipline (ad es. teatro, di tradizione o di ricerca, per ragazzi o per adulti etc.) che tra diverse discipline: teatro, canto, danza, musica, performance etc. Lo spirito è, dunque, quello di concepire un disegno artistico capace di creare una mescolanza di vari generi artistici eterogenei impegnati in un rincorrersi, incontrarsi, interagire, contaminarsi vicendevolmente e dialogare per riconsegnare forma e contenuti insoliti ed inaspettati. Per necessità di sintesi prendiamo ad esempio lo spettacolo “Ci sono notti che non accadono mai” dove la poesia di Alda Merini è interpretata in modo particolarmente originale dall’attore Vasco Mirandola al quale si unisce la musica del trio jazz “Piccola Bottega Baltazar” che, pur conservando una propria autonomia musicale, crea un’armonica fusione con la voce dell’attore; vengono inoltre proiettati i disegni dell’illustratrice Silvia Rocchi che amalgama le toccanti parole di Alda Merini con le fumose atmosfere da cabaret musicale facendo risuonare un contatto intimo con la fragilità e l’inquietudine di questa grande poetessa.
Lo spirito che caratterizza il Festival si prefigge infatti di proporre concerti di world music che sappiano amalgamare l’essenza della tradizione con elementi appartenenti alla modernità oppure ad altri generi artistici differenti fondendo persino la tradizione con tecniche d’avanguardia
Altro significativo esempio è la performance della grande Sainkho Namtchylak che, collocata dietro una postazione da dj, mixa i canti bifonici tra i più antichi del mondo con basi musicali modernissime, improvvisazioni vocali ed acustiche e video sperimentali.
Pur non raggiungendo la compiutezza nell’unire tanti linguaggi nella stessa rappresentazione ogni spettacolo a modo suo incarna il principio/cratteristica di collegare due o più generi o discipline……. In molti spettacoli, inoltre (soprattutto nei concerti), sono proiettati dei video che mettono in risalto aspetti della vita culturale e della provenienza geografica del gruppo.

Visita il sito ufficiale del festival www.festivaloltreiconfini.com